venerdì 16 novembre 2012

Clinic @ Bass Line Music Shop!


La mia clinic si è tenuta presso il più importante negozio per bassisti italiano, Bass Line Music Shop.
Ho parlato di tecnica, groove, ritmica e improvvisazione!



Ottima affluenza di pubblico, in una magnifica cornice!


Fondamentale è stato il supporto di Claudio, Roby, Luca e Rosa di Bass Line: grazie ragazzi! Siete speciali!!!




Un ringraziamento particolare va ai miei sponsor: D'Addario per corde e cavi e Alusonic per gli strumenti!

Alla prossima!!!



venerdì 27 luglio 2012

Esperanza Spalding!

Esperanza Spalding: bella, sinuosa, spontanea.

Un bellissimo concerto, quello di ieri sera al CarroPonte di Sesto San Giovanni.

Con alle spalle un'ottima band, Esperanza ha presentato il suo ultimo lavoro, Radio Music Society.

Questo è il mio video di Black Gold:




Esperanza ha interagito col pubblico, cantato, suonato un Fender Jazz fretless e il consueto contrabbasso, pur avendo preferito, almeno ieri sera, il suono dell'elettrico a quello dell'acustico.

Ma veniamo subito a qualche spunto didattico rapido che ho preparato proprio oggi pomeriggio.

Personalmente preferisco l'album "Esperanza" al suo primo, "Junjo": lo trovo più fresco e diretto. Da qui, qualche linea di basso da studiare e analizzare!

Un brano molto interessante è "Cuerpo y Alma", trasposizione in 5/4 del classico standard "Body and Soul". Attenzione al tempo: contatelo 1-2-3-1-2, per comodità. 


Notevole la parte in walking' eseguita da Esperanza e che potete sviluppare basandovi sugli accordi della sezione B dell'omonimo standard.


Un altro bell'esercizio è basato sul brano "Espera": anche qui notiamo la predilezione di Esperanza per i tempi non convenzionali: un bel 7/4 ci accoglie immediatamente. Interessante è l'uso dei bicordi nella sezione iniziale del brano:




Continuiamo con "I Adore You": una semplice linea di basso per sviluppare un feel Afro-Cubano, molto caro alla nostra bella bassista:


Mettete un tempo metronomico comodo e quindi, dopo aver assorbito la struttura, provate ad esercitarvi cambiandone la tonalità!


Un ultimo spunto tratto dal brano "I Know You Know": siamo passati ad un brano di samba, con una interessante intro di basso incastonata su di un II - V - I in tonalità minore. Da copiare!





Buono studio!




Concetti di Bass Soloing tradotto da me!


Un metodo sull'improvvisazione divenuto ormai un classico. Per basso e contrabbasso, è un supporto eccezionale per espandere i propri orizzonti solistici! 

Strutturato su ben 150 pagine e corredato da due CD audio, "Concetti di Bass Soloing" spazia dagli esercizi sul fraseggio all'utilizzo di lick tipici jazzistici, fino ad arrivare a come affrontare la struttura di uno standard.

Nei migliori negozi specializzati!





venerdì 16 marzo 2012

La mia pedaliera!

Una delle classiche domande che mi vengono rivolte è: "Ma che pedali usi?". Oppure: "Cos'è quel coso giallo lì???"

Personalmente ho sempre cercato di mantenere il mio sound il più possibile neutro.

Nel tempo, ho assemblato una pedaliera che potesse supportare ogni situazione sonora senza snaturare il suono dei miei strumenti.

Nella foto, in compagnia dell'Alusonic J-Special, si può vedere la catena dei miei effetti.


In ordine (in senso orario):

Ego Sonoro - Zero Noise Road: 10 ore di alimentazione continua per quattro pedali a 9V (tipo Boss), uno a 9V (standard) e uno a 12 V (standard). In pratica un accumulatore di potenza ricaricabile.
Il risultato? Nessuna necessità di allacciarsi ad una presa di corrente e nessun rumore di fondo sul palco. Eccezionale!

EBS - MultiComp: un filo di compressione non guasta mai.

Boss - TU2: ormai uno standard da palco. Precisissimo, è con me da dieci anni.

EBS - Octabass: utile in situazioni di band "ridotta all'osso", ma anche per riempire il sound durante un assolo del nostro chitarrista.

Emma - DiscumBOBulator: un envelope filter pregiatissimo. Con i bassi passivi lavora in modo superbo.

SansAmp - Bass Driver: un classico. Perfetto come D.I. da palco e in studio e, in situazioni rock, per ottenere un bel suono saturo.


Tutti pedali sono cablati con cavi George L'S: veramente ottimi.




giovedì 15 marzo 2012

Gary Willis: Face First!

Rieccomi (spero da ora in poi con più frequenza!) con un nuovo post.

Questa volta con una mia trascrizione: la parte di basso iniziale che il grandissimo bassista Gary Willis esegue nel brano "Face First".

Tempo fa ebbi modo di scambiare due chiacchiere con lui in occasione di un live dei Tribal Tech: molto disponibile e alla mano!

Nel frattempo Scott Henderson, dietro di noi, stava accordando la sua chitarra esclusivamente ad orecchio (e quindi senza accordatore!) con una precisione sconvolgente!

Consiglio caldamente il metodo di Gary, "Ultimate Ear Training for Guitar and Bass", ricchissimo di spunti molto interessanti sullo sviluppo dell'orecchio relativo.

Interessantissimo il rig di Gary dal vivo: testata Aguilar DB750 (con la capacità di scendere a 2 Ohm) + ben tre casse Aguilar GS 1x12. Una soluzione molto particolare!


Veniamo alla trascrizione:

L'utilizzo delle note "ghost" e dei sedicesimi rende questa linea di basso molto dinamica.


Enjoy!